lunedì 5 febbraio 2007

Basta essere gentili

Da un po' di tempo il lunedì mattina, dalle 8:30 alle 9:00, non si riesce a fare lezione in prima. Gli studenti della classe accanto hanno religione alla prima ora, e molti di loro entrano alla seconda. Di fronte alla porta dell'aula in cui sono io c'è un caldo termosifone, che accoglie i posteriori di molti di loro. Il risultato è che dalle 8:30 si comincia a formare un capannello di persone che parlano, ridono, chiacchierano.

Quando la situazione si fa intollerabile io apro la porta, li guardo, loro guardano me, io chiedo di fare piano, loro si scusano e si spostano in zone più fredde. Ultimamente si sono creati degli automatismi, cioè io apro la porta, li guardo, sorrido, loro sorridono e se ne vanno, senza scambio di parole. Ormai ci conosciamo, anche se non sono miei studenti: quando passo vicino alla loro aula ci salutiamo, ridiamo, cose così.

Oggi, nel tentativo di automatizzare ancora di più le procedure del lunedì mattina, ho appeso un cartello alla porta. Eccolo qua:

Caro studente di 2ªE,
che riposi le tue stanche membra
al calduccio del termosifone
di fronte a questa aula,
ricorda che dietro a questa porta
c’è un povero insegnante di matematica
che sta cercando di fare lezione.
Abbi pietà di lui, dunque,
e accogli il suo appello:
parla sottovoce.

Un povero insegnante di matematica


Ebbene, questa mattina non è volata una mosca. Dalla porta è filtrata solo qualche piccola risata, assolutamente tollerabile.

5 commenti:

Ronkas ha detto...

NOoooooooOoOOo
me la sono persa


NoOOOOooOOO

professore ha detto...

Forse c'è ancora...

Anonimo ha detto...

secondo me per tenere a bada i ragazzi basta lasciargli dei regali, tipo: delle belle biro, invece che essere tirchi.

professore ha detto...

Ladra! Domani ti interrogo.

Anonimo ha detto...

c'è anche chi ha attaccato la rispostA.. MA LA VIKINGA L'HA "CIBATA"