giovedì 14 gennaio 2021

Carnevale della Matematica #146

Sei, quaranta e cento: la notazione posizionale ci permette di usare solo dieci simboli per scrivere tutti i numeri che vogliamo (insomma, tutti no, ma ci siamo capiti). Sei unità, quattro decine, un centinaio. Se usassimo un abaco, potremmo riferirci a una figura del genere:

Ma questa non è, naturalmente, l'unica rappresentazione del numero 146. Un computer standard, ad esempio, non usa la rappresentazione decimale: dieci simboli sono troppi da gestire, molto meglio usarne solo due: presenza di una certa tensione o assenza di quella tensione, zero o uno, sì o no, vero o falso.

Così:

Potremmo poi operare la seguente sostituzione, secondo il metodo exploding dots: cancelliamo un pallino da una casella e lo sostituiamo con due pallini nella casella di destra – lo spostamento verso destra divide tutto per due, il raddoppio dei pallini rimette a posto i conti; il computer che usa la rappresentazione binaria non capirebbe più niente, ma noi siamo meglio di lui. Ecco qua:



E, così facendo, ci accorgeremmo che solo le caselle che corrispondono alle potenze di 8 sono occupate, e potremmo quindi concludere che il numero 164 si scrive, in base 8, in modo molto elegante, e cioè 222.

Potremmo, a questo punto, rimanere insensibili di fronte alla peculiarità di 222, un bel numero palindromo? Certo che no, ed è per questo che il tema di questo Carnevale è proprio la palindromicità.

Del resto, oggi, 14 gennaio, è il compleanno di Tarski, e lui avrebbe certamente gradito. Oggi è anche il capodanno ortodosso, e non possiamo lasciarci sfuggire il fatto che 2021×1202 = 2429242. E il 1202 non è un anno qualsiasi: è l'anno in cui Fibonacci ha scritto il Liber Abaci; e a proposito di abaco, il buon Leonardo Pisano avrebbe apprezzato le figure qua sopra con le palline nelle caselle.

E se ci permettessimo di giocare un po' con la numerologia, non potremmo fare a meno di notare che il più bel nome italiano palindromo (secondo l'insindacabile giudizio di chi scrive), e cioè Anna, mediante l'associazione lettera-numero tipica dell'alfabeto italiano, che vede la lettera A corrispondere al numero 1 e la lettera N corrispondere al numero 12, produce, mediante l'inserzione, palindroma pure quella, dei simboli di somma e moltiplicazione, il bel risultato 1 + 12×12 + 1 = 146. Ancora meglio, 1 + 12×12 + 1 = 222 in base otto, parola pure essa palindroma.

Indulgendo ancora un po' in questa libera associazione di idee, non potremmo poi tacere del fatto che uno dei primi personaggi famosi a portare il nome di Anna è la moglie di Gioacchino, la madre di Maria, che, in quanto madre, è venerata dalla cristianità anche come patrona delle partorienti.

Secondo gli antichi greci, la protettrice delle partorienti era Ilizia; la sua corrispondente romana era invece Giunone Lucina, colei che porta i bambini verso la luce.

Ed è proprio guardando una nuova luce in cielo che, l'otto giugno 1875, l'astronomo francese Alphonse Louis Nicolas Borrelly scopre un nuovo asteroide che, in seguito, sarà proprio chiamato 146 Lucina.

Per rimanere in tema biblico-palindromico, facendo riferimento al versetto del vangelo di Matteo 16, 20, "così gli ultimi saranno primi e i primi ultimi", ecco i contributi dei Rudi Mathematici. I quali hanno iniziato il periodo associato a questo carnevale con un post dal titolo evocativo: Far girare le sfere senza rompere le scatole. Per amore di decenza, non aggiungiamo il commento relativo alla palindromicità di sfere e scatole. L'indovinello del cellario ha poi inaugurato il tempo natalizio, un post forse non rispettoso del tema palindromico ma certamente rispettoso delle sbronze natalizie. Ci sono poi state le soluzioni al problema pubblicato su Le Scienze, un problema che parla di elezioni truccate, o quasi. E su questo tema, santo cielo, sarebbe opportuno stendere un velo pietoso. Il giorno della Befana, infine, hanno pubblicato il Calendario del 2021, giunto alla ventiduesima edizione (numero palindromo, naturalmente): sarebbe il caso di far loro gli auguri. Per la serie Quick and Dirty, poi, c'è un piccolo post dal titolo Bugiardi?, per il quale pare che la lunghezza del titolo sia inversamente proporzionale alla lunghezza dell'elenco dei commenti che propongono variazioni e generalizzazioni. Infine, il numero di dicembre della prestigiosa rivista di matematica ricreativa è uscito il 29 (ufficialmente in regola, quindi), e si trova qui. Quello di gennaio, mah, prima o poi sarà pubblicato invece qui: vediamo se uscirà prima di questo Carnevale, o dopo.

Roberto Natalini manda un elenco sterminato di post. Eccoli qua:

I 10 post più letti su MaddMaths! nel 2020 e altri numerelli interessanti
Finisce il 2020, ed è il momento di tirare le somme di un anno pieno di notizie.


I modelli matematici, strumenti potenti ai tempi della pandemia Covid-19
Come sintesi alla fine di questo anno così dominato della pandemia e dai modelli epidemiologici vi proponiamo un articolo di Iulia Martina Bulai, del Dipartimento di Matematica, Informatica ed Economia dell’Università della Basilicata, originariamente apparso in inglese nella Newsletter of the European Women in Mathematics.

Oroscopo 2021 per Matematici e creature simili
Di solito gli oroscopi non interessano i matematici, che spesso preferiscono affidarsi agli algoritmi. Ma in realtà molto dipende da chi propone l’oroscopo in questione. Quest’anno proviamo con quello proposto da Raffaella Mulas e vediamo cosa succede.

Ci ha lasciati Pietro Greco
Il 18 dicembre, ci ha lasciati Pietro Greco, grande maestro della comunicazione della scienza. Di seguito i ricordi di Stefano Pisani e di Sandra Lucente e Roberto Natalini.


Matematica, sentirsi a bordo

Nelle scorse settimane le edizioni Mateinitaly (quelle del mensile Prisma, per intenderci) hanno pubblicato il libro “Diaro di bordo. Una prof di matematica nell’anno del lockdown” di Sofia Sabatti. Ecco la recensione di Roberto Natalini.


1+1 non fa (sempre) 2 – recensione dell’ultima lezione di John Barrow

John D. Barrow, cosmologo, matematico e astrofisico, professore all’Università di Cambridge, autore del testo teatrale “Infinities” e di decine di saggi e articoli divulgativi, è morto il 27 settembre scorso all’età di 67 anni. Ci ha lasciato un ultimo libro, edito da Il Mulino, pubblicato per ora solo in italiano sotto la supervisione di Pino Donghi. Lo ha letto e ce ne parla Roberto Natalini.

Il genere conta

L’uso del femminile nelle professioni è un argomento di cui si discute molto (e in maniera piuttosto accesa) in quest’ultimo periodo. Chiara de Fabritiis (coordinatrice del Comitato Pari Opportunità dell’UMI) ne ha parlato con Vera Gheno, una linguista che ha uno spiccato interesse per la comunicazione in rete.

Ripetizioni. Puntata 20: “Regali di Natale”

Tornano le Ripetizioni di Davide Palmigiani. Questa volta si parla di regali e di “Secret Santa”.

DIALOGO SUI NUMERI PRIMI

Alessandro Zaccagnini ci propone un suo “Dialogo sui numeri primi”, un esercizio di stile in cui per varie settimane ha parlato dei numeri primi in modo interessante senza usare formule, o quasi. Nel dialogo, che trovate diviso in “giornate”, troverete tre personaggi presi a prestito da Galileo: Salviati, che è un copernicano (un teorico dei numeri analitico), Sagredo, che è un patrizio (un matematico di un altro settore), e Simplicio, che è un tolemaico (un dilettante). Tutte le puntate le trovate qui sotto, ma le trovate anche in ebook (pdf, epub, mobi) scaricabile in questa pagina.

 


Mathematical Graffiti #6 – Igor Tamm e il calcolo che… salva la vita
Perché un giorno il fisico russo Igor Tamm, premio Nobel per la fisica nel 1958, benedisse gli sviluppi in serie. 


Alberto Saracco ci propone i nuovi video della sua serie “Un matematico prestato alla Disney“, in cui fa divulgazione della matematica traendo spunto da storie di paperi e topi. 
Puntata 28: Speciale Natale - Il principe delle nebbie - Tutorial fiocchi di neve
Puntata 29: Il fantomatico ipergigacolossaliardo – Numeri molto grandi


La giovane matematica Raffaella Mulas ci propone la sua video-rubrica “La matematica danzante”.

Leonardo Petrillo, proseguendo il percorso cominciato qualche mese fa con una "semplice" introduzione all'equazione di Schrödinger, ha scritto una seconda puntata che va ad ampliare un po' la visione illustrando il concetto essenziale di operatore nell'ambito della meccanica quantistica e le regole di commutazione fondamentali, chiamate anche commutatori canonici.

.mau. ha scritto, sul Post, ben due post sui numeri di Lychrel (in perfetto tema, come leggerete): Numeri che forse non esistono, e 6174, 196 e altri numeri. Inoltre, sempre sul Post ha scritto i problemini per Natale 2020 (se lo leggete venti-venti, potete leggerlo anche al contrario), con le relative soluzioni, e Gallera ci ritenta con i numeri, dove l'ormai ex assessore lombardo al welfare garantisce gioioso che a brevissimo termine arriveranno a fare un numero di vaccinazioni che farà terminare la campagna a fine 2022. Sulle Notiziole invece abbiamo i soliti quizzini della domenica, questo mese Catena di domino - Numeri civiciL'orologio di zio GinoIl cortile del palazzo ducale. Per le recensioni, a questo giro c'è solo The Thrilling Adventures of Lovelace and Babbage: è un fumetto assolutamente fuori di testa e con parecchia matematica diretta e indiretta (c'è anche un cameo di George Boole). Poi purtroppo c'è l'obituary di Pietro Greco; seguito da un post di povera matematica, I gradi sono tanti, milioni di milioni, in cui si scopre che la volta celeste ha un numero di gradi molto maggiore di quanto credevamo; e una curiosità sul 2021, che è un numero ottenuto giustapponendo due interi consecutivi oltre che essere il prodotto di due primi consecutivi.

Anna(lisa) Santi, in perfetto tema, segnala un dialogo scritto su Matetango durante una gita in un bel passo montano dell'alto valtellinese, con relativa escursione ai 2924 metri del Pizzo del Diavolo. Il dialogo è con un diabolico numero palindromo, il numero primo 1000000000000066600000000000001, e si trova qua: Belfagor e Annalisa… un dialogo surreale!

Il fatto che 146 sia un numero composto da 2 e 73 produce due effetti. Il secondo è la seguente cellula melodica, preparata dal buon Dioniso:

   

Una cellula melodica speciale e forse irripetibile: una cellula melodica cancrizzante, anche lei in perfetto tema, e che si rifà al primo effetto: l'immortale verso della poesia Gaussiana canta sottovoce.

Non rimane che annunciare il prossimo Carnevale, che sarà il numero 147, ospitato dai Rudi Mathematici. Mentre questo, che avete appena letto, era il numero cento, quaranta e sei.

martedì 12 gennaio 2021

Anna e Otto onorarono Otto e Anna

Oggi è il 12–1–21, data palindroma che annuncia, tra due giorni, un Carnevale palindromo.

E tra poco parte.

E la sete sale.

giovedì 3 dicembre 2020

Capacità — 9. Finalmente la codifica Morse

“Siamo pronti per un riassunto finale”.

“Oh, finalmente”.

Abbiamo ricavato questa formula ricorsiva per la lunghezza delle stringhe codificate col codice Morse:”.

N(negativo) = 0
N(0) = 1
N(1) = 0
N(t) = N(t − 2) + N(t − 4) + N(t − 5) + N(t − 7) + N(t − 8) + N(t − 10)

“Giusto”.

“Abbiamo detto che, per calcolare la capacità di un canale in cui le trasmissioni avvengono secondo una determinata codifica, dobbiamo calcolare la lunghezza delle stringhe per t che diventa sempre più grande, farne il logaritmo, e dividere tutto per t”.

“Ricordo anche questo.”.

“E, infine, abbiamo visto un metodo per risolvere un'equazione alle ricorrenze, con l'uso delle funzioni esponenziali”.

“L'abbiamo usato con i numeri di Fibonacci, mi ricordo. Si immagina che la soluzione sia un'esponenziale, si sostituisce, e si fanno tornare i conti scoprendo di quale esponenziale si tratti”.

“Di quale, o di quali: potrebbero essercene anche più di una. La formula per i numeri di Fibonacci ne contiene due, per esempio”.

“Ah, vero. Però a lungo andare, quando il numero diventa sempre più grande, ce n'è una che comanda, perché l'altra dà un contributo sempre più piccolo”.

“Sì, è così. Abbiamo un'esponenziale con esponente positivo che, a lungo andare, diventa sempre più grande, e un'esponenziale con esponente negativo che, a lungo andare, diventa sempre più trascurabile”.

“Ok. Quindi ora dovremmo risolvere quella brutta equazione alle ricorrenze per il codice Morse? Sostituendo un'esponenziale generica?”.

“Già”.

“Ma se prendo una funzione del tipo an e sostituisco, mi viene una roba complicatissima!”.

“Prova, però devi sistemare le lettere, perché questa volta abbiamo indicato con N(t) il numero di stringhe di lunghezza t. Quindi, se vuoi provare con una funzione esponenziale, deve essere del tipo N(t) = at”.

“Ah, ok, io provo. Se sostituisco at mi viene questo:”.

at = at-2 + at−4 + at−5 + at−7 + at−8 + at−10

“Giusto”.

“Ma è una cosa orribile”.

“Eh, un po'”.

“E come la risolvo?”.

“Comincia col raccogliere il termine più piccolo, at−10”.

“Giusto, e poi lo semplifico. Direi che risulti una cosa del genere:”.

a10 = a8 + a6 + a5 + a3 + a2 + 1

“Bene”.

“Ma è un'equazione di decimo grado, chi la risolve?”.

“Questo lo facciamo fare ai computer, ecco qua”.

“Ah, veh che bello. Vedo due risultati reali, uno positivo e uno negativo, e poi dei risultati complessi”.

“A noi interessa quello positivo, che sarà quello che comanda quando la lunghezza della stringa diventa sempre più lunga”.

“Dice che è circa 1.4529”.

“E quindi la nostra N(t) si comporta circa come 1.4529t, a lungo andare”.

“E adesso?”.

“E adesso ne fai il logaritmo in base 2, e dividi per t”.

“La t si semplifica, rimane log2(1.4529)”.

“Che fa circa 0.539”.

“E quindi?”.

“E quindi abbiamo fatto: la capacità di una linea che trasmette in codice Morse è di 0.539 bit per unità di tempo”.

“Che fatica”.

“Pensa che Shannon ha spiegato tutto questo in due mezze pagine di un suo famosissimo articolo”.

“Cosa?”.

“Pagina 3 e pagina 4”.

“Su quante?”.

“Cinquantacinque”.

“Aiuto!”.

venerdì 13 novembre 2020

Chi ha paura della matematica?

Che fare in un venerdì 13 del 2020?

Quattro chiacchiere sulla matematica con .mau., ospitati virtualmente dalla Biblioteca Delfini di Modena. Saremo qui oppure qui.


Aggiornamento: fino a che rimane, ecco qua la ripresa:




martedì 3 novembre 2020

Capacità — 8. ·-· ·· -·-· --- ·-· ·-· · -· --·· ·

“Ho fatto i compiti, dopo la pausa estiva”.

“Incredibile, non succede mai”.

“Eheh. Mi sono fatto uno schema con tutte le possibili stringhe in codice Morse, a partire dalla lunghezza 1 fino alla lunghezza 10”.

“Però”.

“Guarda qua, ho proceduto partendo dalla lunghezza 1, e ho colorato di rosso ogni nuovo simbolo aggiunto in testa a quelli vecchi:”.


Lunghezza 1:


Non ci sono simboli.

N(1) = 0. 


Lunghezza 2:

P

N(2) = 1. 



Lunghezza 3:

Non ci sono simboli. 

N(3) = 0. 



Lunghezza 4:

PP, L

N(4) = N(4 − 2) + 1 = N(2) + 1 = 1 + 1 = 2. 



Lunghezza 5:

PS

N(5) = N(5 − 2) + N(5 − 4) + 1 = N(3) + N(1) + 1 = 0 + 0 + 1 = 1. 



Lunghezza 6:

PPP, PL, LP

N(6) = N(6 − 2) + N(6 − 4) + N(6 − 5) = N(4) + N(2) + N(1) = 2 + 1 + 0 = 3. 



Lunghezza 7:

PPS, PSP, LS

N(7) = N(7 − 2) + N(7 − 4) + N(7 − 5) + 1 = N(5) + N(3) + N(2) + 1= 1 + 0 + 1 + 0 = 3. 



Lunghezza 8:

PPPP, PPL, PLP, LPP, LL, PV

N(8) = N(8 − 2) + N(8 − 4) + N(8 − 5) + N(8 − 7) + 1 = N(6) + N(4) + N(3) + N(1) + 1 = 3 + 2 + 0 + 0 + 1 = 6. 



Lunghezza 9:

PPPS, PPSP, PLS, LPS, PSPP, PSL, LSP

N(9) = N(9 − 2) + N(9 − 4) + N(9 − 5) + N(9 − 7) + N(9 − 8) = N(7) + N(5) + N(4) + N(2) + N(1) = 3 + 1 + 2 + 1 + 0 = 7. 



Lunghezza 10:

PPPPP, PPPL, PPLP, PLPP, PLL, PPV, LPPP, LPL, LLP, PSPS, PVP, LV

N(10) = N(10 − 2) + N(10 − 4) + N(10 − 5) + N(10 − 7) + N(10 − 8) + 1 = N(8) + N(6) + N(5) + N(3) + N(2) + 1 = 6 + 3 + 1 + 0 + 1 + 1 = 12. 

“Ma che meraviglia!”.

“E direi di potermi fermare qua, giusto?”.

“Esatto: hai esaurito tutti i finali primitivi, perché con la lunghezza 10 hai potuto inserire anche l'ultimo, LV, e da ora in poi basta l'equazione generale per ricorrenze, che ora puoi scrivere in modo generico. Prova a scrivere la formula per N(t)”.

“Ormai la so a memoria:”.

N(t) = N(t − 2) + N(t − 4) + N(t − 5) + N(t − 7) + N(t − 8) + N(t − 10)

“Perfetto”.

“Però questa equazione vale solo dalla lunghezza 10 in poi, prima ci sono dei casi particolari”.

“Vero. Però c'è un trucchetto per non scrivere troppi casi particolari: hai notato che devi aggiungere 1 ogni volta che entra in gioco un finale primitivo nuovo, e questo succede quando la lunghezza della trasmissione è uguale alla lunghezza del finale nuovo”.

“Uhm, non so se ho capito”.

“Prendi l'ultimo calcolo, quello del numero di stringhe di lunghezza 10”.

“Ok. Alla fine ho dovuto aggiungere +1 perché c'era l'ultimo finale di lunghezza 10 da aggiungere”.

“Esatto. Se applichi la formula generale, quel +1 è in corrispondenza di N(10 − 10), cioè N(0)”.

“Vero”.

“E allora noi definiamo N(0) = 1”.

“Ah. E come facciamo con le lunghezze minori di 10? In quel caso dovrei calcolare N per numeri negativi”.

“Vorrà dire che definiamo che N(negativo) = 0”.

“Ma si può?”.

“Certo. Siamo matematici, possiamo fare tutto”.

“Benissimo”.

“Ed ecco quindi come riassumere l'equazione alle ricorrenze che calcola le lunghezze di tutte le possibili stringhe in linguaggio Morse”.

N(negativo) = 0
N(0) = 1
N(1) = 0
N(t) = N(t − 2) + N(t − 4) + N(t − 5) + N(t − 7) + N(t − 8) + N(t − 10)

“Fine?”.

“Fine”.

“E cosa ce ne facciamo?”.

“Calcoliamo la legge generale in forma non ricorsiva, per poi calcolare la capacità di un canale Morse”.

“La legge generale? E ci si riesce?”.

“Più o meno… Ma a noi non interessa la legge generale in forma esatta, ci interessa il suo comportamento quando la lunghezza delle trasmissioni diventa sempre più lunga. Ricordi quando abbiamo calcolato la capacità di un lucchetto da bicicletta?”.

“Sì, ricordo. Però alla fine si poteva ridurre tutto al calcolo del logaritmo in base 2 di 10, qui invece mi sembra tutto molto più complicato”.

“Vero. Nel caso del lucchetto ogni messaggio era una cifra da 0 a 10, non c'erano variabilità nella lunghezza, qui invece sì. Quello che dobbiamo fare è recuperare il metodo utilizzato allora mediante la rappresentazione ad albero: dobbiamo considerare N(t) con t sempre più grande, calcolare il suo logaritmo, e dividere tutto per t. Insomma, la formula è log2(N(t))/t, con t che cresce sempre più”.

“Mi sembra comunque complicato”.

“Sì, il problema è il calcolo di N(t). Ma noi abbiamo già visto un metodo generale per le equazioni alle ricorrenze”.

“Ma quando?”.

“Quando abbiamo trovato una formula chiusa per la successione di Fibonacci”.

“Oh”.

mercoledì 14 ottobre 2020

Carnevale della matematica #143

Benvenuti al Carnevale della Matematica numero 143, un Carnevale che usa la parola gerrymandering per ben due volte.

143, un numero che risolve il problema di Waring per le settime potenze: ogni numero naturale è la somma di al più 143 settime potenze. Compito per casa, di cui non ho trovato soluzione: trovare un numero naturale che è necessariamente uguale alla somma di 143 potenze.

143 indicherebbe anche che sono passati quasi dodici anni dal primo Carnevale, ma in realtà il dodicesimo compleanno è già passato da qualche mese, visto che ci sono state alcune pause estive negli ultimi anni. Manca un mese al numero 144, un bel quadrato, che ci permette di calcolare 143 come 144 − 1 = (12 − 1)×(12 + 1) = 11×13. I fattori 11 e 13 generano l'immortale verso della poesia Gaussiana all'alba allegro e la seguente cellula melodica:

Ora, ecco alcune proprietà del numero 143. Anzi, di alcuni numeri 143:

Il numero 143 di Tex Willer si intitola La cella della morte.

Quello di Dylan Dog si intitola Apocalisse.

Nathan Never ci porta nei cieli, con Sfida nello spazio.

Alan Ford rimane nei cieli, più o meno, con Il nuovo Superciuk.

Martin Mystere ci presenta Casanova.

Zagor è All'ultimo sangue.

Mister No è sempre in viaggio, questa volta con La spedizione scomparsa.

Julia indaga su Una storia in frantumi.

Detective Conan indaga anche lui su La verità tra le lacrime.

Amazing Spiderman, fa portare dall'aria il nome del suo nemico mensile: E il vento urla: Cyclone!

I Vendicatori, infine, si tuffano Nell'abisso del tempo.

Da tutto ciò si evince che il tema di questo mese è Viaggi, anche interstellari, eros, thanatos, Bacco e Venere, e drammi vari. Per la prima volta nella storia del carnevale, il tema è stato perfettamente rispettato da tutti i partecipanti.

Prima di passare all'elenco dei contributi, l'annuncio del prossimo Carnevale: il numero 144 uscirà il 14 novembre e sarà ospitato dai Maddmaths!.

Il primo contributo arrivato è quello di Leonardo Petrillo, che sul Tamburo Riparato ha introdotto, nel modo più semplice possibile, un effetto particolare che può avvenire nel mondo degli atomi: l'effetto Auger. Un “viaggio forzato” degli elettroni negli atomi sottoposti ad alcune condizioni particolari. Per far ciò, viene fatta una breve premessa sull'effetto fotoelettrico e sulla struttura elettronica dei metalli. Il tutto si conclude in musica con uno splendido brano di musica classica sempre inerente al tema dei viaggi. 

Annalisa Santi, ben attenta alle tassative prescrizioni sul tema, si chiede, nel suo post dal titolo Volo Air Canada 143 e le unità di misura: chissà se a proposito di viaggi interstellari o drammi esso volesse forse far riferimento al Cosmos 143, un satellite artificiale russo o al volo Air Canada 143? A lei ha ricordato proprio il volo Air Canada 143, un volo di linea della compagnia aerea canadese Air Canada in servizio tra Montréal ed Edmonton che il 23 luglio 1983 effettuò un drammatico atterraggio di emergenza e sfiorata una vera tragedia legata proprio a un errore dovuto alla variazione delle unità di misura adottate, kilogrammo e libbra. Ma si parla anche di Corsari e di Gilberto Govi… decisamente voli pindarici!

.mau. apparentemente non ha rispettato il tema del Carnevale, ma vediamo: sulle Notiziole ha scritto una serie notevole di quizzini, ed è noto che se uno non riesce a risolverli è un dramma: 


Poi ha recensito vari libri, e si sa che i libri possono fare viaggiare tanto: 

- Two Trains Leave Paris di Taylor Marie Frey e Mike Wesolowski, un testo di matematica di base con un approccio piuttosto peculiare ma carino 

- The Truth about Archie and Pye di Jonathan Pinnock, un giallo matematico che non gli è per nulla piaciuto. 

- Caos, spunti sulla teoria del caos pensati da Stefano Marmi e resi interessanti da Marco Malvaldi. Se non cercate i racconti del BarLume va molto bene. 

- Introduzione alla filosofia matematica di Bertrand Russell; fondamenti della matematica (di giusto cent'anni fa). Solo per amanti di Bertie. 

- I giochi matematici di PhiQuadro di Sandro Campigotto: problemi matematici per liceali (e non solo) con ambientazioni molto peculiari. 

- A History of π di Petr Beckmann: per farvi scoprire che i matematici possono anche non essere persone asettiche. 


C'è poi l'obituary di John Barrow, sempre in tema di drammi. 

Sul Post c'è la recensione del libro La luce e il tempo, di Guido Corbò, una bella introduzione alla teoria della relatività che usa la matematica ma senza mai superare le conoscenze della terza media (sì, almeno per la relatività ristretta è possibile!). E se non è un viaggio interstellare questo… 

C'è poi un post scriptum: Non prendete sempre alla lettera i numeri. È vero che non si possono confrontare i dati sui contagi Covid di adesso con quelli di fine marzo, ma questo non significa che possiamo stare tranquilli. 

Ed ecco i Maddmaths!; Roberto Natalini finge di disinteressarsi all'importante tema di questo mese, ma non ci riesce. 

Il libro di Leonardo — Comics&Science – The Fibonacci Issue. Giovedì 8 ottobre, all’interno dell’Internet Festival di Pisa, è stato presentato in anteprima il nuovo albo Comics&Science, The Fibonacci Issue, contenente tra l’altro la storia “Il libro di Leonardo” scritta e disegnata da Claudia Flandoli. Questo è certamente un viaggio. 

Presentazione di Archimede 2/2020.  È uscito il n. 2/2020 della rivista Archimede. Ecco il sommario del direttore Roberto Natalini: “Sono stati mesi per molti versi drammatici, sicuramente inediti. La quarantena, le difficoltà della didattica, l’incertezza su cosa ci aspetterà dopo l’estate. Noi siamo andati avanti, cercando di preparare un numero della rivista che fosse interessante e ricco di spunti. Apriamo con un articolo di modellistica matematica di Pierandrea Vergallo e Michele Zanatta che ci parlano dell’equazione di Gompertz e di come si usi nell’analisi della crescita dei tumori (l’articolo è liberamente accessibile sul sito Mondadori). A seguire, Lorenzo Meneghini ci propone una passeggiata tra progressioni geometriche, triangoli rettangoli e connessioni con il rapporto aureo. Argomenti tipicamente abbastanza scollegati, ma che posso diventare oggetto di un laboratorio stimolante. Infine Anna Maria Dallai e Marta Ciappelli ci parlano di tabelline, e di come sia possibile impostare un programma di lavoro basato su una loro interpretazione geometrica. Per la rubrica Scuole superiori, Guliana Massotti ci parla della geometria dello spazio. I disegni del fumetto «Le avventure matematiche di Dory e Berty», in cui si parla del teorema di Talete in termini molto originali, sono di Claudia Flandoli, che firma la sua seconda copertina di Archimede (dell’altra si parla qui), l’idea narrativa e i testi di Alice Manieri.” E non dimentichiamo le soluzioni dei giochi di Archimede Enigmistica, apparsi nei numeri precedenti e la nuova rubrica “A colpo d’occhio” tenuta da Roberto Zanasi (sono io, sì). Provate a guardare e commentare la sua ultima proposta. Direi che anche questo sia un viaggio bello lungo.


Dialogo sui numeri primi. Alessandro Zaccagnini ci propone un suo “Dialogo sui numeri primi”, un esercizio di stile in cui cercherà di parlare dei numeri primi in modo interessante senza usare formule, o quasi. Nel dialogo, che qui presentiamo a puntate, o meglio “giornate”, troveremo tre personaggi presi a prestito da Galileo: Salviati, che è un copernicano (un teorico dei numeri analitico), Sagredo, che è un patrizio (un matematico di un altro settore), e Simplicio, che è un tolemaico (un dilettante). 

  • Giornata prima, nella quale si discute della natura dei numeri primi.
  • Giornata seconda, nella quale si discutono i metodi per distinguere i numeri primi dai numeri composti.  

Numeri primi e dialoghi: eros, o dramma, a seconda di come uno si pone nei confronti della teoria dei numeri. 

Nobel in fisica 2020: vince anche il matematico Roger Penrose. Il Premio Nobel in fisica 2020 è stato assegnato pochi minuti fa a tre scienziati: Roger Penrose e, in compartecipazione, Reinhard Genzel e Andrea Ghez.  
Finalmente Roger Penrose. Nei giorni scorsi è stato annunciato che Roger Penrose è uno dei tre vincitori del premio Nobel per la fisica 2020. Raccogliamo qui una serie di ricordi di Michele Emmer, che ha conosciuto Penrose e con cui ha collaborato in passato. 
Qui si festeggia un nobel, e dove si festeggia Bacco non manca di presentarsi. 

Precarietà e Covid 19: la proposta della EWM per sostenere le giovani scienziate. Il 24 agosto si è tenuto un meeting zoom dal titolo EWM and the corona crisis. Elisabetta Strickland (Gruppo di lavoro della EWM per il Covid-19) ha partecipato ed ha scritto per noi un resoconto della riunione pieno di idee e proposte. Torniamo seri per un momento: precarietà e malattie sono drammi veri, il sostegno alla scienza è cosa buona, e quello alle scienziate, spesso messe da parte, è cosa ottima. 

Come nascono il vento, le nuvole e le perturbazioni. In questa nuova puntata della rubrica Esperienze Transdisciplinari di Matematica, Gianluigi Boccalon ci presenta un percorso che ha sperimentato alcuni anni fa in alcune sue classi di scuola secondaria di primo grado, alla scoperta delle basi della meteorologia, provando come sua abitudine ad abbattere i confini disciplinari tra fisica, geografia, chimica e matematica. Sembra fatto apposta per commentare l'episodio dell'Uomo Ragno con Cyclone.

Quadrati, rettangoli e nastri di Moebius: la congettura di Toepliz. A maggio di quest’anno, Joshua E. Green e Andrew Lobb hanno compiuto un interessante passo avanti nella dimostrazione della Congettura di Toepliz. In questo articolo Alberto Saracco cerca di fare il punto della situazione. Viaggi non ancora terminati, insomma.

Olimpiadi Internazionali di Matematica: Italia sesta al mondo. La sessantunesima Olimpiade Internazionale di Matematica ha avuto luogo in questi giorni in un formato inedito: programmata a luglio a San Pietroburgo, in Russia, e in un primo momento posticipata a settembre, di fronte al fatto che sarebbe stato molto difficile per molti concorrenti raggiungere la sede prevista, è stata trasformata in gara distribuita in tutto il mondo, in modo che potessero partecipare il maggior numero possibile di ragazze e ragazzi. Vediamo com'è andata. Questi sono ancora viaggi, che sarebbero stati fisici se la pandemia non si fosse messa in mezzo. 

L'improbabile non è impossibile. Inizia la nuova rubrica “La lente matematica” che sarà tenuta da Marco Menale. Brevi testi per guardare da vicino le cose con l’occhio del matematico. L'occhio del matematico, si sa, lavora bene in presenza di caffeina e di alcool. Di solito non contemporaneamente, ma non è detto. 

Mathematical Graffiti #3 – Sophie Germain, ovvero… Antoine-August Le Blanc. Terzo appuntamento con la rubrica di Stefano Pisani. “Dietro un grande uomo, c’è sempre una grande donna”. Questa frase, attribuita solitamente a Virginia Woolf, potrebbe attagliarsi perfettamente alla vicenda di Sophie Germain – solo che, nel suo caso, donna e uomo coincidevano. Sophie Germain (1771-1831) è stata una grande matematica, fisica e filosofa francese. Lo spirito riformatore della rivoluzione francese permeò le sue coraggiose scelte di vita. La frase "uomo e donna coincidevano" racchiude una storia notevole, di quando le donne erano considerate indegne di certi studi. Scegliete voi quale dei temi del Carnevale si adatta meglio a questa situazione. 

Ricordo di Vaughan F. R. Jones (1952 – 2020). Nei giorni scorsi è venuto a mancare all’età di 67 anni il matematico neozelandese Vaughan Jones, vincitore tra l’altro della Medaglia Fields nel 1990. Vi proponiamo un ricordo di Roberto Longo. Un secondo ricordo di una persona che non c'è più, in questo Carnevale. 

Un matematico prestato alla Disney. Alberto Saracco ci propone i video della serie “Un matematico prestato alla Disney“, in cui fa divulgazione della matematica traendo spunto da storie di paperi e topi. 

Puntata 19: La casa in 4D — L’ipercubo. In questa puntata, prendendo spunto dalla casa in 4D costruita da Archimede Pitagorico, ci parla dell’ipercubo. 

Puntata 20: Sindaco, che passione! – La matematica delle elezioni. In questa puntata, prendendo spunto dalla lotta elettorale tra Paperino e Gastone in Sindaco, che passione!, ci parla della matematica elettorale, e in particolare del gerrymandering

Puntata 21: Paperin Palladio e la missione architettonica – Aritmetica modulare. In questa puntata, prendendo spunto dal teorema di Arturo Dentato e dal numero 42 nella storia di Paperin Palladio, di Roberto Gagnor e Valerio Held, ci parla delle somme di tre cubi e dell’aritmetica modulare.

Puntata 22: Paperoga prof. per caso – Numeri primi. In questa puntata, prendendo spunto dalle bizzarre idee di Paperoga (Prof. per caso) sui numeri ci parlerà dell’infinità dei numeri primi. 

E qui c'è poco da dire, dato che il tema del Carnevale viene dai fumetti. 


Ora tocca a Davide Passaro, che scrive su Math is in the Air

Iniziamo con l'articolo di Pasquale Napolitano dal titolo: "Come vola un aereo: la resistenza spiegata tra paradossi e strati limite". Ancora viaggi. 

Rilanciamo con un articolo di Enrico De Giuli che tratta una "vexata quaestio" ovvero: "Che cosa è la matematica?".  E per rispondere a questa domanda, ognuno può fare riferimento al tema del Carnevale che preferisce (o anche a tutti i temi insieme, volendo).

Terminiamo con una interessante intervista ad Alessio Farcomeni, professore ordinario di statistica all'università di Tor Vergata. Il sottotitolo dell'intervista è molto indicativo ed è il seguente: "La statistica e le sue infinite possibilità applicative". La statistica: per qualche matematico è eros, per qualcun altro è thanatos. 


Passiamo a Paolo Alessandrini, che in questo mese si è dedicato a Gianni Rodari. 

"Matematica per pigri" Ovvero la matematica è una costruzione mentale che può anche fare a meno della realtà, e come tale è perfetta per i pigri, per gli amanti del gioco e della fantasia, e quindi per scrittori come Gianni Rodari. 

"Misure" Una questione matematica molto cara a Rodari è il concetto di misurazione, che viene utilizzato non sopprimendo completamente lo spirito scientifico e razionale, ma sovrapponendovi i colori della fantasia per creare una "nuova logica". 

"Derivabilità" "Il paese senza punta", una delle "Favole al telefono", offre una ghiotta occasione per parlare di continuità, derivabilità e frattali. Quelli di fantasia sono tra i viaggi più divertenti, in fondo.


Ora eccoci ai Rudi Mathematici, che come al solito chiudono il Carnevale (e in questo come al solito non si veda né un tentativo di metterli all'ultimo posto, né di riservar loro un posto d'onore: semplicemente, sono quasi sempre in ritardo): 

Buon compleanno Marie-Jean è un compleanno (ma va?). Dedicato al rivoluzionario Condorcet, in origine si intitolava “Il respiro della locomotiva”, e inizia con una dettagliata analisi di una delle canzoni più famose dei Jethro Tull, pensa te. Jethro Tull e locomotive: senza dubbio si viaggia. 

Poi c’è questo “Tsunami”, che è un Paraphernalia, e che è in grado di scatenare davvero catastrofi e solitoni. Sta a vedere che può starci davvero, in tema, stavolta… 

Meno drammatico, ma con un discreto impatto sui lettori e solutori, abbiamo poi questo “Indovinello dei Pellegrini”, che ovviamente fa parte della serie “Gli Allegri Monaci di Riddlewell”, e c’è poco da fare: se un monastero ha la parole “riddle” nel nome, si capisce subito come vada a finire la messa. I pellegrini viaggiano per definizione, no? 

L’improbabile titolo “Cura dimagrante con tartine” preannuncia il post istituzionale del blog, deputato alla soluzione del problema pubblicato su “Le Scienze” di Settembre. Un commento dal portavoce dei Rudi: è notevole non solo per la nostra sublime maestria di eccezionale intrattenimento matematico, ma anche per una topica niente male che abbiamo preso. È sempre più difficile, dopo tanti anni, nascondere la nostra spudorata cialtronaggine. Si parla di tartine, oltre che di errori baricentrici, e cos'è una tartina senza la bevanda preferita da Bacco?

C’è poi “Ney-pat-ko-no”, e il nome dice tutto, no? Perché perdersi in ulteriori spiegazioni? E perché spiegare quale dei vari temi di questo Carnevale è stato rispettato? Basta cliccare sul link e andarsi a leggere le ultime righe del post dal titolo misterioso, dove è tutto spiegato. 

Fortuna ha voluto che di compleanni, questo mese, ce ne fossero ben due. Concludiamo dunque il Carnevale, tracciando una simbolica linea di confine, con “Buon compleanno Claude!”, che  parla del non troppo noto Bachet de Méziriac, e che a suo tempo, sulla prestigiosa rivista Rudi Mathematici, si intitolava “Confini”. E i confini, beh, son lì per rendere difficile la vita a chi vuole viaggiare. Ma, ogni tanto bisognerebbe ricordarlo, i confini sono sempre e soltanto fittizi.

lunedì 17 agosto 2020

Capacità — 7. Il codice Morse

L'altra volta ho fatto un piccolo errore: avevo citato il Manuale delle Giovani Marmotte, ma in realtà volevo parlare del Manuale di Archimede. Guarda:”.



“Che meraviglia! Stavo proprio guardando il codice Morse: è un delirio”.

“Beh, è un codice reale che è nato quando c'erano certe esigenze e certe disponibilità tecniche, c'è poco da fare”.

“Almeno ho capito che non è un codice binario”.

“No, anche se in effetti usa solo due segnali: luce accesa e luce spenta, oppure corrente che passa e corrente che non passa, oppure beep e silenzio”.

“Vero, ma c'entra anche la durata di questi segnali”.

“Sì. Facciamo un riassunto di tutto quello che può succedere nel codice Morse. Possiamo distinguere quattro tipo di segnale: il punto, la linea, lo spazio tra le lettere e lo spazio tra le parole”.

“I due spazi si distinguono per la durata, vero?”.

“Sì. Prima di definire i segnali, definiamo ciò che sta alla base di tutto: l'unità di tempo. I segnali Morse sono scanditi dal passare del tempo, come se ci fosse un metronomo. La velocità di trasmissione non è predefinita: due bravi operatori possono trasmettere segnali con una velocità molto alta, due operatori che invece stanno imparando il codice andranno certamente più lenti”.

“Ok”.

“Ora, definiamo i segnali:”. 
  • Punto (P): linea chiusa per un'unità di tempo, seguita da linea aperta per un'altra unità di tempo 
  • Linea (L): linea chiusa per tre unità di tempo, seguita da linea aperta per un'unità di tempo
  • Spazio tra le lettere (S): linea aperta per tre unità di tempo
  • Spazio tra le parole (V): linea aperta per sei unità di tempo

“Uhm, qualcosa non mi torna, io ho letto cose diverse su Wikipedia”.

“Cosa?”.

“Beh, che il punto corrisponde semplicemente alla linea chiusa per un'unità di tempo, non seguita da nulla, così come la linea, mentre lo spazio tra le lettere corrisponde alla linea aperta per quattro unità di tempo, e quello tra le parole alla linea aperta per sette unità”.

“Uhm. Ai fini dei calcoli che faremo dopo, è più comodo pensare che dopo un punto o una linea ci sia sempre uno spazio vuoto della durata di un'unità di tempo, e questo corrisponde anche al fatto che io ti ho detto che lo spazio tra le parole corrisponde a uno spazio vuoto che dura sei e non sette unità: dopo un qualunque simbolo c'è una unità vuota obbligatoria che si somma alle altre sei. Questo è un sistema che usano gli informatici per decodificare in automatico una stringa di bit: si chiama codice prefix-free o comma-free. Però, però, mmh”.

“Non torna quello che dici riguardo lo spazio tra le lettere”.

“Esattamente. Secondo Shannon, che si è fatto tutto il calcolo che vorrei raccontarti, lo spazio tra le lettere sarebbe di 1+3 unità di tempo, cioè 4, mentre secondo lo standard attuale lo spazio è solo di 3 unità”.

“Mi stai dicendo che Shannon ha fatto un errore?”.

“Mah, non oso arrivare a tanto, eppure c'è una incongruenza. Secondo me l'ha fatto per poter fare un esempio, con i calcoli che fa in seguito, più completo. Nel suo articolo scrive: Thus in telegraphy suppose the symbols are: (1) A dot, consisting of line closure for a unit of time and then line open for a unit of time; (2) A dash, consisting of three time units of closure and one unit open; (3) A letter space consisting of, say, three units of line open; (4) A word space of six units of line open.”.

“Ah. Quando definisce il letter space, dice say”.

“Sì, probabilmente adatta l'esempio in modo da avere tante lunghezze diverse: il punto dura 2 unità, la linea 4, lo spazio tra le lettere 3 e quello tra le parole 6. Così facendo ha lunghezze pari a 2, 3, 4 e 6, tutte diverse. Se avesse scelto lo spazio tra le lettere lungo 2 unità, avrebbe avuto lunghezze pari a 2, 2, 4 e 6. Quelle due lunghezze uguali danno un po' fastidio.”.

“Va bene, allora prendiamo per buone le lunghezze date da Shannon. Ora che succede?”.

“Ora dobbiamo conoscere le regole di composizione. Per esempio: dopo un punto o una linea ci può essere un altro punto, un'altra linea, oppure uno dei due spazi”.

“E fin qua mi sembra facile”.

“Ma dopo uno spazio non può esserci un'altro spazio, ma solo un punto o una linea, e non si può nemmeno iniziare una trasmissione con uno spazio”.

“Ah, comincia a essere meno facile”.

“Questa figurina riassume tutte le regole di composizione:”.
 


“Vedo. Fissando la partenza, impedisci che si possa iniziare con uno dei due tipi di spazio. Interessante, anche se non avrei idea di come proseguire nello studio”.

“Lo studio è molto complicato, sì. Partiamo dal caso più semplice di tutti: può esistere una trasmissione Morse di lunghezza 1?”.

“Cosa vuol dire? Un punto?”.

“Un punto, l'abbiamo definito poco fa, è un simbolo di lunghezza 2, perché è composto da due segnali: linea chiusa per un'unità di tempo, linea aperta per un'altra unità di tempo”.

“Allora non esistono trasmissioni di lunghezza 1, no?”.

“Esatto. Se indichiamo con N(t) le trasmissioni di lunghezza t, abbiamo che N(1) = 0”.

“Bene, questa era facile. Non mi dire che ora andiamo avanti con le trasmissioni di lunghezza 2, poi 3, eccetera”.

“Esatto, faremo proprio questo. Prima, però, di complicarci la vita, facciamo un riassunto di tutti i possibili finali di trasmissione”.

“Immagino che ci siano delle regole per terminare una trasmissione Morse”.

“Sì, ma non intendevo questo. Lasciamo perdere le convenzioni utilizzate nelle trasmissioni, e rimaniamo aderenti solo allo schema che abbiamo visto. In pratica, studiamo solo quel grafo”.

“Va bene. Hai domandato quali possono essere i possibili finali: immagino di dover muovermi lungo quell'albero e vedere come si può finire”.

“Sì. Un possibile finale l'abbiamo visto, il più semplice di tutti: percorri solo un arco di quel grafo, quello che corrisponde a un punto. In quel caso, il finale è semplicemente P”.

“Ok. Allora un altro finale potrà essere L”.

“Giusto, invece di un punto trasmetti una linea, e basta”.

“Ora però le cose si complicano. Dopo aver percorso l'arco P o l'arco L, ho varie scelte”.

“Se la tua prima scelta è stata P e la seconda è stata di nuovo P, la tua trasmissione è PP, che però finisce con P”.

“Ma perché guardiamo i finali?”.

“Per ora guardiamo i finali, che sono i casi più semplici. Le trasmissioni più complicate si faranno aggiungendo finali a trasmissioni più brevi”.

“Ah. Allora, vediamo questi finali. Oltre a P e a L potrei avere PS?”.

“Esatto: un punto seguito da uno spazio tra le lettere”.

“E non potrei avere un solo spazio come finale?”.

“Eh, no. Ammettere S come finale significa che, nel caso di trasmissione più semplice possibile, tu possa trasmettere un singolo spazio, ma questo non è possibile. S è necessariamente preceduto da qualcosa, come mostra il grafico”.

“Allora di finali con lo spazio tra le lettere ce ne sono due: PS e LS”.

“Proprio così. E poi ci saranno anche i finali con la V, lo spazio tra le parole”.

“Che saranno PV e LV”.

“Giusto. Facciamo quindi un riassunto dei possibili finali:”.

  • P: lunghezza 2
  • L: lunghezza 4
  • PS: lunghezza 5
  • LS: lunghezza 7
  • PV: lunghezza 8
  • LV: lunghezza 10

“Mamma mia, e questi sono solo i finali”.

“Eh. Alleniamoci un po' sulle cose semplici: abbiamo già visto che N(1) = 0: non ci sono trasmissioni di lunghezza 1”.

“E immagino che N(2) sia uguale a 1, perché c'è una sola trasmissione di lunghezza 1, il nostro P”.

“Giusto. Quanto vale invece N(3)?”.

“Non ci sono finali di lunghezza 3”.

“Vero. Ed è possibile combinare due finali più brevi per farne uno di lunghezza 3?”.

“Non mi sembra, dato che non ci sono trasmissioni di lunghezza 1, non posso combinarne P, che è lungo 2, con un qualcosa lungo 1 che non esiste”.

“Ok. Quindi N(3) = 0”.

“Sì. Provo ad andare avanti con le trasmissioni di lunghezza 4. C'è L, la linea, che è lunga 4”.

“Ma non è l'unica trasmissione di lunghezza 4: potresti anche trasmettere PP”.

“Oh, vero, anche quella è lunga 4, cioè 2 + 2. Quindi N(4) = 2”.

“Volendo complicarci la vita, per capire le difficoltà che incontreremo andando avanti, potrei dirti che N(4) = N(2) + 1”.

“Uh. Capisco che sia vero, ma non capisco il senso”.

“Quella formula ci sta dicendo che per ottenere una trasmissione di lunghezza 4 si prendono tutte quelle di lunghezza 2 (che si possono far diventare di lunghezza 4 mettendo un P davanti) e, in più, se ne aggiunge una nuova, che è poi L”.

“Una definizione ricorsiva?”.

“Esattamente. Se ci fossero 42 trasmissioni di lunghezza 2, ne potresti ottenere altre 42 di lunghezza 4 facendole tutte precedere da un P. Poi si aggiunge una nuova trasmissione di lunghezza 4, cioè L”.

“Credo di capire. Ora provo a calcolare N(5), vediamo cosa combino”.

“Vai”.

“Allora, le trasmissioni di lunghezza 5 si possono ottenere da quelle di lunghezza 3 aggiungendo una P davanti (ma di trasmissioni di lunghezza 3 non ce ne sono), oppure da quelle di lunghezza 1 aggiungendo una L davanti (ma anche di queste non ce ne sono), e poi ce n'è una nuova, che è PS”.

“Ottimo! La formula è quindi: N(5) = N(3) + N(1) + 1”.

“Che dà come risultato un semplice 1, però”.

“Non importa: hai capito il procedimento, andando avanti non aggiungerai sempre degli zeri”.

“Ma quando mi fermo?”.

“Ti fermi quando capisci la regola generale”.

“E la regola generale quando la capisco?”.

“Quando smetti di aggiungere roba nuova”.

“Aha! Allora provo ad andare avanti”.

“Prima permettimi di complicarti ancora un po' la vita”.

“Argh”.

“Ti riscrivo la formula per N(5) in questo modo: N(5) = N(5−2) + N(5−4) + 1”.

“Ah, credo di capire: hai scritto N(5−2) invece di N(3) perché ciò che conta è quel 2: aggiungi un simbolo di lunghezza 2 davanti”.

“Perfetto. Ora prova a calcolare N(6)”.

“Ok, vado. Una trasmissione di lunghezza 6 si ottiene aggiungendo a una trasmissione più breve una P, che è lunga 2, oppure una L, che è lunga 4, oppure una PS, che è lunga 5. E non ci sono finali di lunghezza 6, quindi la formula è questa: N(6) = N(6−2) + N(6−4) + N(6−5)”.

“Ottimo: fai i conti”.

“Ecco: N(6) = N(4) + N(2) + N(1) = 2 + 1 + 0 = 3”.

“Ed ecco qua l'elenco delle trasmissioni di lunghezza 6: PPP, PL, LP”.

“E, dato che non ho aggiunto nuovi finali, ho finito, vero?”.

“Eh, no. Non hai aggiunto nuovi finali non perché non ce ne siano più, ma perché i finali che rimangono sono lunghi più di 6”.

“Ah, vero. Che peccato. Beh, allora proverò ad andare avanti, però non adesso”.

“La prossima volta”.

“Ok”.