mercoledì 14 ottobre 2015

Uso privato di blog privato

Qualche giorno fa ho partecipato alla Quinta Giornata Nazionale di Analisi Non Standard (sì, c'è gente strana al mondo) e, siccome non sono mica abituato a parlare in pubblico — a gente che ascolta davvero, voglio dire — ero molto nervoso e per questo alla fine del mio intervento ero così provato che, quando una persona è venuta da me a dirmi complimenti professore tirando fuori il mio libro e chiedendomi di firmarglielo, io l'ho fatto quasi meccanicamente, un po' drogato dal fatto che avevo finito di parlare senza aver fatto errori clamorosi e anche dal fatto che qualcuno mi era venuto a cercare col mio libro. Poi, alla fine di tutto, quando ci si saluta e ognuno se ne torna a casa, quella persona è tornata e molto educatamente ha salutato, e io credo di aver detto grazie e arrivederci, ma insomma, non le ho nemmeno chiesto il nome, chi fosse, come mai avesse deciso di partecipare a questa roba non standard.

Ecco, allora, grazie ancora, gentile sconosciuto, e se volesse palesarsi nei commenti mi farebbe molto piacere.

5 commenti:

Marco Panino ha detto...

Buongiorno,
non sono io il richiedente firma, ma vorrei fare ugualmente un paio di commenti

1. un blog NON è privato, se non sono richieste chiavi di accesso. Nel caso di questo blog, aggiungo, per fortuna!

2. sono uno degli strani che seguirebbe una conferenza sull'analisi non standard. Per caso è previsto qualche nuovo articolo in questo blog su questo?

zar ha detto...

Uhm, no, in effetti no... ma sicuramente ci sarà un altro convegno il prossimo anno :-)

topor ha detto...

Non si palesò.
Ne hai trovato uno più timido di te...

Riccardo Dossena ha detto...

Caro prof. Zanasi, sono passati più di due mesi, ma mi sono accorto solo ora di questo post, per il quale la ringrazio molto. Ebbene, sono quello che le ha chiesto la firma sul libro. Mi chiamo Riccardo Dossena e sono un insegnante di matematica della scuola superiore. Apprezzo molto il suo lavoro: oltre a "Verso l'infinito..." e al suo intervento a Verona, ho letto anche "Un punto fermo", che ho trovato molto interessante e stimolante (l'ho messa pure come vicino su Anobii). Anni fa mi sono appassionato all'analisi non standard e ho scritto qualche piccola cosa sui microscopi infinitesimali, per poi abbandonare il progetto quasi del tutto. Poi ho scoperto il prof. Apotema e dalla Giornata di Verona mi è ritornata la voglia di mettermi al lavoro. Ho intenzione di partecipare ancora al prossimo convegno, per cui magari avremo un'altra occasione per incontrarci! Rinnovo i complimenti per il suo fantastico lavoro e per il suo intervento al convegno NSA (la questione dello sviluppo decimale in riferimento a Lightstone, che non conoscevo, è stato illuminante!). E grazie ancora per il suo post: non si preoccupi, è stato un piacere incontrarla e non c'è stata da parte sua alcuna mancanza. Un caro saluto.

zar ha detto...

:-)

Ben ritrovato, grazie.