martedì 14 dicembre 2010

Non era una bugia

Quando, più di due mesi fa, ho parlato di Scienza Express, avevo detto che non ci avrei guadagnato niente nel farlo. Ed era proprio così. L'ho fatto perché si parlava di libri scientifici, perché mi piaceva l'idea di libri disponibili nel tempo, perché c'era un occhio di riguardo per gli insegnanti.

Poi mi sono detto: ehi, ma anche io sono un insegnante. E, ora che ci penso, anche io ho scritto una specie di libro, che è stato pubblicato su questo blog, che parlava di scienza (di matematica, per la precisione).

Allora ho riscritto ai due signori di Scienza Express e ho domandato: ma lo sapete che anche io ho scritto delle cose che forse vi possono piacere? Non è che magari vi interessano?

Bè, mi han detto sì.

9 commenti:

juhan ha detto...

Congratulazioni (a tutti). E comincio a mettere da parte gli euri, se poi venissi anche a presentarlo a Türin pensa che dedica, firmata da autore e editori! Ci conto.

zar ha detto...

Oh, ma cos'è questa storia della presentazione? Io mi vergogno! :-)

juhan ha detto...

Allora come non detto. Ma insomma! fai finta che sia una lezione, la prima lezione dell'anno scolastico (se ce ne saranno ancora, sai con quest'andazzo nano/gelminico...). E poi ci sono gli editori, lascia prima parlare loro. E poi alla tua età!
(d'accordo torno a Python :-) ).

zar ha detto...

Paurissima :-)

jenga ha detto...

La buona divulgazione scientifica non è mai sufficiente, ma è sempre necessaria!

e l'approccio usato del dialogo tra il Vero Matematico e l'allievo fa molto Joda (o Vecchio Maestro dell'Albero Azzurro...).

Altro titolo da mettere nella lista dei desideri di Anobii...

zar ha detto...

Mi scusi se la correggo ma, ehm, pur essendo molto orgoglioso del paragone con il maestro jedi, il nome, ecco, sarebbe Yoda.

:-)

ilcomiziante ha detto...

Bravo Zar!
Secondo me ci sarebbero anche altri post da sistemare in libro. Anzi, già che ci sei potresti fare dei volumi a tema, magari semestrali. O magari un manuale sotto forma di dialogo che mi è sembrata una forma molto efficace.

(Io comunque ti ho letto con la stampante.)

zar ha detto...

Eh, semestrali è una parola grossa :-)

Cosa dovrei mettere sotto forma di libro, secondo te?

jenga ha detto...

ho mischiato jedi e Yoda... sto diventando come mio figlio... aiut!